SMARTLAND - Smart Destinations in the Land of Venice, Mission 2026

Chi siamo

La rete innovativa regionale “SMARTLAND – Smart Destinations in the Land of Venice, Mission 2026” intende catalizzare e abilitare un “ecosistema digitale di business” in Veneto (EDBV) per innovare la capacità delle imprese e del territorio di generare e distribuire il valore.

“SMARTLAND” opererà a livello multisettoriale per la valorizzazione del territorio veneto, a partire dal comparto turistico che rappresenta una base dinamica e trasversale per sviluppare i modelli di valorizzazione dell’offerta.

La rete innovativa regionale presenta una base di imprese ed enti proveniente da settori molto diversi, dalle imprese agroalimentari, manifatturiere, artigianali e del commercio, agli operatori della cultura, del turismo ricettivo, d’intermediazione, sino ai trasporti, ai servizi informatici e formativi, di marketing, i servizi bancari e finanziari, gli incubatori di impresa, tutti operatori comunque interessati ed orientati a processi di innovazione strategica, in chiave di sistema, per proporre a un mercato ampio e articolato esperienze e servizi nuovi e innovativi per segmenti di consumatori, che non sono più solamente meri fruitori, ma diventano veri e propri co-creatori dell’offerta.

La nostra mission

La rete innovativa regionale affronta le sfide derivanti dalle profonde trasformazioni tecnologiche e sociali che richiedono alle imprese di innovare il proprio modello di business, riprogettando la catena del valore secondo logiche di interazione e cooperazione di più soggetti appartenenti a settori diversi, ma capaci di mettere a disposizione dati e informazioni utili a costituire delle risorse chiave per generare valore. Dalla raccolta, memorizzazione, analisi, rielaborazione e condivisione dei dati è possibile creare valore delineando le aspettative dei clienti per una maggiore personalizzazione delle offerte in termini di nuovi prodotti, servizi ed esperienze.

Pertanto, la rivoluzione digitale, accelerata dalla pervasività del mobile e dalla crescente capacità di elaborare Big Data, sta portando a una rapida evoluzione delle aspettative del cliente, sempre più interessato a personalizzazioni e configurazioni “dinamiche”, rispetto a scelte “obbligate” all’interno di un’offerta di prodotti/servizi pre-costituita, quindi “statica”. In un contesto, dunque, largamente interconnesso, gli scenari competitivi risultano estremamente dinamici e complessi e possono essere efficacemente governati dall’elaborazione dei dati focalizzata sui bisogni degli utenti e dei potenziali clienti.

Obiettivi

Il sistema turismo (alloggio e ristorazione, arte, cultura, manifattura, agroalimentare, intermediazione, vettori, servizi di noleggio e informazione, assicurazioni, banche, shopping, eventi, ICT) contribuisce per più del 10% (oltre 180 mld.) al PIL nazionale con oltre 2,5 mln. di occupati (diretti e indiretti). In Veneto il turismo attiva circa 17 mld. di V.A., pari al 10% del PIL regionale. A fronte di trend mondiali positivi (+3% anno di flussi), in Italia e anche in Veneto le previsioni sono più prudenti (+1,5%) vista la crescente consapevolezza di un deficit competitivo dell’offerta soprattutto nel digitale e nella governance.
Grazie alla presenza nella RIR Smartland di imprese leader in aree strategiche e di network informali di PMI, il territorio potrà sviluppare maggior competitività e attrattività attraverso:
a) RICERCA E INNOVAZIONE (EDBV stimolerà investimenti in R&S tra imprese, favorendo processi di fertilizzazione trasversale generatrici di nuovi servizi per l’incontro “domanda- offerta” di innovazione);
b) MAGGIORE INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL’ECONOMIA (migliori organizzazione e dotazione tecnologica delle filiere tradizionali supportate da un turismo interconnesso ai settori produttivi che legano la cultura del prodotto all’immagine del territorio);
c) SVILUPPO DI NUOVA IMPRENDITORIA INNOVATIVA E/O RINNOVATA (nuove start-up e spin-off accademici proporranno prodotti/servizi innovativi ad alto valore tecnologico). Ne potranno scaturire ricadute (più ricavi e posti di lavoro) per:
1) accresciuta Visibilità dei Territori “Minori” (grazie a EDBV, accesso, fruizione e riutilizzo dell’informazione digitale generata saranno più “democratici”);
2) Impatto sul Settore del Turismo (più flussi e spesa media del turista) e sull’intero Sistema Economico (in primis agroalimentare e ambiente per sostenibilità e gestione intelligente delle risorse) e Sociale (servizi per innovare e migliorare la qualità negli ambiti mobilità, trasporto, ecc.).